U15 Ecc, Vado dà via libera a Legnano alle finali nazionali

team mareAmara seconda giornata delle finali nazionali Under 15 per Pallacanestro Vado. I biancorossi perdono 70-64 da Aba Legnano e rimangono attaccati alla qualificazione per un filo molto sottile. Per raggiungere i quarti di finale dovranno battere di 11 punti San Lazzaro sperando che Bassano, di fatto già qualificata, non si faccia sorprendere da Legnano.

Vincente due volte su due nello scorso settembre nei tornei di Loano e Pegli, Vado parte male contro Aba, contratta e poco efficace, pagando oltremisura gli sforzi fisici della prima gara con Oxigen. Legnano, terza in Lombardia e più abituata a partite equilibrate ed intense in questo ultimo anno, approfitta dell’asfittico attacco ligure e vola 8-1 al 5’. Sono Genta e Tridondani che provano a sbloccare la squadra, Franchello e Giannone si battono per quello che possono ed Husam cerca in difesa di dare il suo contributo; ma il vantaggio dà coraggio alla squadra di Rocco che trova sei triple nei primi 20’ anche da protagonisti inaspettati e resta sempre in testa di una decina di punti, chiudendo 35-24 all’intervallo lungo. Vado prova con le rotazioni a tenere il ritmo e a non affondare, riuscendovi.

Legnano raggiunge il massimo vantaggio ad inizio terzo quarto (40-26) ma i biancorossi, alle corde, non difettano mai di orgoglio e danno sempre il 100% del loro impegno. Pur negli errori tirano fuori il consueto carattere, ritrovano energie dalla spinta di Catzeddu, dalla fisicità di Bertolotti e da un Lebediev extra lusso da 19 punti, 16 rimbalzi e 30 di valutazione finale. Due triple ad alto coefficiente di difficoltà di Bontempi, continuo sui due lati del campo, consentono di produrre un parziale di 23 a 9 in 7’ (solo un punto in meno degli interi primi 20’), di impattare a quota 49 e di togliere certezze a Legnano.

L’inerzia passa nelle mani di Vado che però non mette la testa avanti (mai in vantaggio nel corso della gara) e deve rifiatare dopo lo sforzo prodotto nel terzo quarto. Due fischi “assassini” e rapidi per terzo e quarto fallo costringono Bertolotti in panchina, togliendo “spessore” nell’area dove il protagonista inaspettato per Aba diventa il terzo lungo Lucca che produce 7 punti in 6’50” di gioco con 4 rimbalzi. I liguri subiscono 19 punti nel quarto e pagano per l’ennesima volta la mancanza di precisione ai liberi (solo 7 su 22 alla fine, in una partita terminata con solo due possessi pieni di scarto!).

Legnano rosicchia punti (62-56 al 35’), torna a più 12 con due giri di orologio da giocare e Vado è fin brava a non rompersi e a contenere lo scarto, che consente ancora poche ma presenti possibilità in vista della terza e speriamo non ultima giornata.

Complimenti a Legnano che ha dimostrato una maggiore continuità nell’arco dei 40’ e ha saputo trovare risorse oltre ai temuti Genovese e Fragonara. Vado, che al momento ha nell’energia la sua peculiarità, paga troppo gli sforzi ravvicinati (così come successo nei tornei disputati nell’anno su più giornate) ed è li che dovrà crescere migliorando le conoscenze del gioco che consentono risparmi di “benzina” e gestione degli sforzi.

In un girone aperto (Oxigen batte San Lazzaro di 12 ma allargando la forbice solo nei minuti finali) il rammarico per la sconfitta è grande ma alle Finali nessuno regala niente. E non lo faranno di certo i biancorossi nell’ultimo turno, provando a raccogliere con il cucchiaino le residue forze e con loro le ultime speranze di qualificazione. Essere così delusi per aver perso una gara equilibrata alle finali nazionali che quasi qualificava ad un posto nelle prime 8 d’Italia fa “sospettare” che solo le sconfitte, troppo poche negli ultimi due anni, siano un ottimo propellente per migliorare ancora.

U15M finali nazionali legnano-vado

.

design by Tzagi
Copyright 2013 PALLACANESTRO VADO Design by TZagi
Joomla Templates by Wordpress themes free